Sceletus – Sceletus Mundus (2018)

Titolo: Sceletus Mundus
Autore: Sceletus
Genere: Death Metal
Anno: 2018
Voto: 4

Visualizzazioni post:937

Una proposta molto particolare quella degli Sceletus. Le otto tracce, come suggerisce il genere stesso della band, sono decisamente primordiali. Il sound è molto spesso grezzo, fastidioso, molesto e quasi sempre irritante. Ben prodotto e ben suonato, ma devo dire che ho fatto molta fatica a capire il messaggio e ancora più difficile è stato trovare avvincente un progetto così ambizioso.
Iovannis e Maximus hanno entrambi militato in band estreme del territorio lombardo e si sono spalleggiati nei Necroflesh, Red Costellation e Malanova. I testi, molto semplici e rabbiosi, si accompagnano ad urla forsennate, con un cantato dai toni molto alti e fastidiosi. Sono sicuro che l’intento sia proprio quello di turbare l’ascoltatore e di portarlo ad un livello di rabbia ed aggressività estreme; tuttavia sono anche dell’idea che la musica abbia bisogno di piacere e debba provocare stimoli positivi in chi la percepisce. I testi sono accompagnati da guide che prevedono argomenti tra cui paura, terrore, guerra e ruoli sociali.
Sono rimasto perplesso nel non trovare crediti su chi abbia suonato la batteria in questo disco. La band pare che sia inoltre attiva da quattro anni e per questo tempo come disco di debutto mi sembra un po’ scarso a livello di idee e di composizioni.
Non metto in dubbio il valore tecnico e strumentale dei ragazzi che sono sicuramente capaci e preparati. Quello che mi sconvolge è l’idea bizzarra e decisamente estrema, che non mi ha convinto e mi porta a dover bocciare questo lavoro degli Sceletus. Vi garantisco che ho ascoltato il disco molte e molte volte prima di voler scrivere qualcosa o passarlo a qualcun altro. Tuttavia ritengo doveroso riportare quelle che sono le mie personali impressioni su un lavoro che è molto lontano dal death metal così come lo conosciamo. Questo può indurre molti curiosi ad avvicinarsi a questa band e magari ribaltare il mio giudizio, trovandoci sicuramente qualcosa di meglio.

Tracklist:

1. Phobos
2. Deimos
3. Celestius Ares
4. Nullus
5. Dividit Et Impera
6. Fortis Fortuna Adiuvat
7. Lapis
8. Alveus

Line-up:

Iovannis – Chitarra
Maximus – Voce, basso

Facebook: www.facebook.com/sceletusmundus

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.